Battle Crush Provato: i nostri primi colpi tirati in picchiaduro freschissimo

Dopo aver lanciato un nuovo trailer dedicato in occasione del Summer Game Fest 2024, evidenziando il concetto alla base del titolo in questione e i personaggi del gioco, NCSOFT ha lanciato una pre-experience del 21 giugno dedicata a Battle Crush, che ci offrirà un’esperienza in classico stile picchiaduro action, dove dovremo combattere per essere gli ultimi a sopravvivere su campi di battaglia sempre più piccoli, ma pieni di nemici. La prova, durata soltanto tre ore complessive di apertura dei server, ci ha dato modo di poter comunque mettere gli occhi su quello che ci attende, prima che il titolo venga rilasciato definitivamente nei prossimi giorni. Com’è andata quindi la nostra esperienza? Restate con noi per scoprirlo qui di seguito, con tutti i dettagli del caso!

Pronti a sferrare colpi e combo contro i nemici che incontreremo nelle nostre battaglie?

Battle Crush: chi sarà l’ultimo a rimanere in piedi?

Cosa sappiamo finora del contenuto di Battle Crush, da un punto di vista narrativo? In questo gioco scopriamo che i cosiddetti Calixer, gli eroi eletti dagli dei, sono venuti alla conquista dell’arena in cui dovremo scendere anche noi, e dove saremo chiamati a unirci alla mischia. Qui il giocatore più forte tra i presenti sarà identificato nell’ultimo di loro rimasto in piedi. Infatti, l’obiettivo del gioco è quello di combattere contro un massimo di 30 giocatori, provenienti da ogni angolo del globo, per emergere come unico sopravvissuto. Come abbiamo testato fin dai primi passi mossi in queste tre ore di prova, si tratta sicuramente di un gioco dal ritmo veloce e ricco d’azione, dove ogni partita dura al massimo 8 minuti, un tempo limitato, ma non troppo.

Cosa dovremo affrontare nel corso delle partite? Tanti sono gli imprevisti, a partire dalla nostra capacità di sopravvivenza mentre il terreno crolla sotto i nostri piedi e i nemici sono pronti ad attaccarci da tutte le direzioni. Per affrontare queste sfide, potremo scegliere un campione tra vari personaggi giocabili, i sopracitati Calixer, che vanno dagli dei alle creature mitologiche e altre leggende metropolitane per dominare l’arena e sopraffare i tuoi nemici. Dovremo mettere alla prova le nostre abilità attraverso diversi Calixer che offrono stili di gioco unici tra cui scegliere e abbattere i nostri nemici, oltre a poter scoprire man mano la storia e le abilità uniche di ogni Calixer che potremo impersonare.

Le modalità di combattimento che potremo testare non saranno numerose, ma comunque interessanti come primo approccio

Le prime battaglie disponibili

A questo punto, una nota importante riguarda anche i contenuti che erano, o non erano, disponibili per questa prima prova: innanzitutto, nella versione di lancio saranno presenti microtransazioni per implementare ulteriori contenuti e rendere più succosa la nostra esperienza, ma queste sono state disabilitate durante la pre-experience, così come non tutte le modalità di gioco sono state rese disponibili a causa del numero limitato di giocatori. Le principali modalità disponibili erano Team Battle Royale, Tutorial e Allenamento, di cui vi racconteremo a breve come ci sono sembrate, così come tutti i dati di gioco della pre-experience verranno ripristinati. Arriviamo al dunque, e concentriamoci ora sui contenuti offerti da questa versione di pre-registrazione: la modalità Battle Royale prevista in versione Solo e Team, ma di cui abbiamo visto soltanto la seconda versione, prevede un massimo di 30 partecipanti che si contendono il titolo di ultimo sopravvissuto.

L’arena si riduce man mano che il tempo passa, e dunque dovremo cercare una zona sicura per salvarci, poiché i nemici saranno sempre in agguato dietro ogni angolo. Per attaccare, dovremo formare un gruppo di 3 personaggi nella modalità Team del Battle Royale, dove il nostro avatar potrà essere selezionato solo tra due personaggi su 15 totali in fase Battle Royale, mentre nelle altre due modalità la selezione è completa. Inoltre uno dei consigli che ci vengono dati durante i corposi tutorial iniziali è di utilizzare in combo sia tastiera che mouse, la prima per i movimenti, il secondo per sferrare attacchi leggeri e pesanti, accanto a diverse modalità di puntamento (manuale, automatico o Point & Go, classico per gli amanti dei MOBA). Possiamo poi variare a nostro piacimento questa opzione, anche perché una volta k.o. in una wave della partita, non avremo possibilità di respawn e dovremo rimanere a guardare i nostri compagni.

Non meno importante, il livello di difficoltà dei match: non abbiamo possibilità di selezionarlo, e ci siamo imbattuti in combattimenti sicuramente energici e senza riduzione di colpi. Anche i nostri compagni si sono trovati in difficoltà, a testimonianza di come Battle Crush stia già dimostrando di non lasciarci margine di respiro e richieda grande attenzione e prontezza in ogni occasione. Ad esempio, anche se finiremo in acqua potremo riemergere, ma in fretta: la barra della nostra energia continuerà a svuotarsi e se sarà troppo bassa non potremo più saltare sulla terraferma.

Abbiamo testato i primi scontri in modalità Battle Royale, e il livello di sfida è decisamente buono, mettendo alla prova anche i nostri compagni di squadra

Tra  contenuti ricchi

Nel menu principale, l’interfaccia ci mostra diverse opzioni che prevedono obiettivi giornalieri, settimanali e stagionali, un indizio che ci indica quanto Battle Crush sia intenzionato a coinvolgere i propri giocatori a lungo termine. Non mancano nemmeno gli eventi, che ci consentono di metterci alla prova in diversi round e altrettante sfide da superare, così come i tutorial che ci attendono per ogni diversa sfida che dovremo affrontare, e per mostrarci come apprendere sempre più nozioni per approfondire le nostre abilità e competenze. In particolare, avremo dalla nostra i consumabili, oggetti che possiamo raccogliere e sfruttare a nostro vantaggio, sempre presenti nella fascia inferiore dello schermo, accanto all’equipaggiamento, che possiamo scegliere nel ricco menu di gioco.

 

A proposito di equipaggiamento e altri aspetti estetici, possiamo personalizzare il nostro avatar nel menu, augurandoci che con la versione di lancio siano disponibili molteplici opzioni di personalizzazione. Sicuramente interessante invece tutto il comparto grafico, davvero solido e che non ha mostrato alcuna incertezza o cali di frame rate nella nostra prova, evidenziando anche una robustezza del motore di gioco. Le arene sono costruite con dovizia di dettagli e sono decisamente ampie, per quanto avremmo preferito una maggiore possibilità di azione sullo zoom della telecamera, che ci è sembrato un po’ troppo vicino per poter esplorare al meglio l’area circostante. Al netto di questo piccolo dettaglio, non abbiamo riscontrato molti altri difetti, per via anche del tempo di prova ridotto. Ultima nota, non dimentichiamo nemmeno di menzionare la colonna sonora, che ha presentato tra le varie tracce molto pop e ritmate anche il remix house del Nessun Dorma, per darci ancora di più la carica. Un altro elemento che ci indica come questo titolo sia davvero ricco di sorprese e di idee fresche per catturare la nostra attenzione, grazie alla cura al dettaglio anche in questi frangenti.


Battle Crush è un picchiaduro action e multigiocatore che abbiamo testato quasi una settimana prima del lancio ufficiale in accesso anticipato, ma che già dimostra di avere davvero le carte in regola per avere successo. Al di là delle ridotte modalità di gioco presenti in questa versione, che ci auguriamo siano più ricche nel prossimo accesso, abbiamo visto come la risposta del motore di gioco sia decisamente solida, mostrandoci anche un comparto artistico solido e davvero ben curato. Le arene di combattimento sono ampie e i 15 diversi avatar tra cui potremo scegliere sono tutti uno diverso dall’altro, con altrettante skills che potremo testare. Ampiamente apprezzato il comparto artistico e sonoro, che ha mostrato solidità e frizzantezza, coinvolgendoci ancora di più in questa avventura, accanto a un motore di gioco solido e per nulla incerto, nemmeno in fase di matchmaking per trovare partite adatte a noi. La prova di circa tre ore complessive chiaramente non può consentire un giudizio ad ampio raggio, ma possiamo essere piuttosto sicuri nel dire che, a questo stadio, Battle Crush sarà in grado di offrire tanta azione e divertimento. Il picchiaduro verrà lanciato in accesso anticipato il 27 giugno su Nintendo Switch, PC tramite Steam e dispositivi mobile.