Nvidia

NVIDIA aggiunge nuovi fornitori di Taiwan a fronte di una domanda

NVIDIA sta assistendo a una domanda esplosiva di prodotti Blackwell AI, in quanto l’azienda sta piazzando ulteriori ordini a TSMC e a nuovi fornitori taiwanesi. Il Team Green sta avendo problemi a bilanciare la catena di fornitura, in quanto i rapporti suggeriscono che il prodotto Blackwell di NVIDIA sta riscontrando un enorme interesse in questo momento. Le principali aziende tecnologiche si stanno dando battaglia per acquisire le nuove architetture e, alla luce di ciò, NVIDIA ha contattato i propri fornitori, chiedendo loro di aumentare le capacità produttive. Il produttore sta anche cercando di espandersi verso nuovi fornitori, tra i quali spiccano le aziende taiwanesi. KYEC e ASE Technology sono attualmente in fase di test, dopodiché si prevede che la produzione di massa sarà affidata ai fornitori. Si dice che KYEC e ASE Technology stiano ricevendo ordini giganteschi da NVIDIA, con volumi di ordini di entrambe le aziende raddoppiati nel corso dei trimestri. Il Team Green ha anche consigliato a TSMC di aumentare le proprie strutture produttive. Sebbene il gigante di Taiwan abbia compiuto diversi sforzi per espandere la propria offerta di packaging di chip, ciò non è sufficiente per NVIDIA.

Come se non bastasse, è stato riferito che la complessità di produzione dei prodotti Blackwell è molto più elevata rispetto alla generazione Hopper, il che rappresenta un “bonus” per i produttori, considerando il drastico aumento dei prezzi medi di vendita (ASP) e dei margini lordi. TrendForce e altri ricercatori di mercato stimano che il Team Green dovrebbe spedire milioni di prodotti Blackwell entro il 2025. Pertanto, l’entità delle richieste è enorme, molto più grande di quella che abbiamo visto con i prodotti Hopper.

Nvidia