Teenage Mutant Ninja Turtles Arcade: Wrath of the Mutants

TMNT Arcade: Wrath of the Mutants Recensione V mensile

Teenage Mutant Ninja Turtles: Wrath of the Mutants è un beat ‘em up arcade a scorrimento laterale con protagonisti i simpatici eroi con il guscio… ma forse questa l’avete già sentita?

Teenage Mutant Ninja Turtles Arcade: Wrath of the Mutants
Persino April libera tutta la sua aggressività nei confronti del gioco.

TMNT Arcade: Wrath of the Mutants: Pizza (fredda) Time!

Un’ora dopo essermi fatto strada a cervello spento tra ondate di Soldati del Piede, Kraangdroidi, Mouser e altri nemici assortiti, cambiando le Tartarughe man mano che procedevo, ho deciso che i tempi erano maturi per scrivere questo pezzo. Benché possa sembrare un record assoluto, questo è davvero il massimo che mi sento di regalare al nuovo gioco delle Turtles, un picchiaduro a scorrimento tremendamente elementare con la profondità di un cartone della pizza bagnato. Neanche la modalità cooperativa fino a 4 giocatori riesce a stimolare un po’ di divertimento, e scalare le classifiche o giocare a una difficoltà più elevata non giustifica il fatto di dedicargli altro tempo. Mentre altri titoli analoghi con la medesima licenza sono carichi di personalità, Wrath of the Mutants potrebbe essere incentrato su qualsiasi altro franchise e non cambierebbe davvero nulla. Nei panni di uno dei quattro fratelli anfibi, dovremo affrontare orde di avversari con letali attacchi mono tasto, potenziamenti tutti uguali e armi da lancio ambientali. Ogni attacco sferrato crea una combo e contribuisce ad aumentare il contatore del “Turtle Power” del personaggio scelto che, una volta attivato, libera una tecnica speciale ad area. E così via, dall’inizio alla fine. Potrebbe sembrare che ci siano piccole differenze tra ogni Tartaruga, ma è vero solo in termini estetici: a parte l’aspetto e l’arma scelta, l’unica distinzione tra i fratelli è la loro voce, merito dei doppiatori originali, e l’attacco speciale, visivamente unico ma funzionalmente identico, un po’ come le ambientazioni. Wrath of the Mutants ricalca abbastanza bene lo stile della serie animata di Nickelodeon del 2012, ma questo è forse l’unico suo aspetto salvifico per gli estimatori, perché il gameplay lento, rigido e monotono lo affossa completamente e senza appello.

Teenage Mutant Ninja Turtles Arcade: Wrath of the Mutants
La grafica sarebbe davvero all’avanguardia, se fosse un titolo per PS1.

Conclusioni

Per quanto possiate amare il cartone animato o il marchio TMNT, Wrath of the Mutants non è giustificabile né dal punto di vista qualitativo né da quello quantitativo, men che meno per il prezzo a cui viene venduto.

Leggilo gratis in versione impaginata e sfogliabile su V – il mensile di critica videoludica n. 1
Gioca da quando ha messo per la prima volta gli occhi sul suo Commodore 64 e da allora fa poco altro, nonostante porti avanti un lavoro di facciata per procurarsi il cibo. Per lui i giochi si dividono in due grandi categorie: belli e brutti. Prima che iniziasse a sfogliare le riviste del settore erano tutti belli, in realtà, poi gli è stato insegnato che non poteva divertirsi anche con certe ciofeche invereconde. A quel punto, ha smesso di leggere.