Perfect Dark: nuovo capitolo in arrivo?

Voci di corridoio su una possibile, imminente apparizione del reboot di Perfect Dark.

Il toto Showcase è una delle principali attività che anticipano l’arrivo di giugno e dei vari Showcase estivi. Di solito si compone di un turbinio di nomi, alcuni possibili, altri probabili, altri ancora ai limiti della fantascienza, che si susseguono sussurrati nei corridoi del web da sedicenti insider. Tra un Gears of War 6 e un Call of Duty: Black Ops Gulf War, appare per la gioia di tutti i retrogamer un nome che inequivocabilmente tira dietro di sé una potente dose di nostalgia: quel Perfect Dark sviluppato dalla migliore Rare per Nintendo 64 nell’ormai lontano 2000 e seguito, cinque anni dopo, da Perfect Dark Zero. Due soli titoli che con il loro gameplay e la loro iconica protagonista sono riusciti a lasciare un segno indelebile nella breve storia del nostro medium.

Joanna, mon amour

Un reboot della serie Perfect Dark era stato annunciato inizialmente ai The Games Award del 2020 dai Xbox Game Studios, sviluppato da The Initiative in collaborazione con Crystal Dynamics, che si era già occupata del reboot di Tomb Raider. In questi quattro anni, poco e niente si era saputo sullo stato del progetto, a parte il teaser trailer di presentazione e qualche timido screenshot. Proprio nelle ultime settimane, però, si sono succedute notizie contrastanti. A inizio mese Jeff Grubb, editor di Giant Bomb e noto insider, durante una diretta del suo podcast, ha affermato che le condizioni del reboot sono ancora grezze e che mancherebbe ancora tempo prima di riuscire a vedere un Perfect Dark presentabile. Di opinione diametralmente opposta è invece è l’insider Nate the Hate, che, al contrario, parlando con un altro youtuber durante il suo podcast, ha affermato che il progetto procede spedito. “Mi aspetto assolutamente che vedremo Perfect Dark il mese prossimo e che alcune delle voci più recenti potrebbero essere informazioni obsolete”. La citazione indiretta alle dichiarazioni di Grubb ha sortito il suo effetto, perché poche ore dopo il giornalista ha subito risposto dalla sua pagina di X, quotando direttamente il tweet di Nate The Hate. “Sì, da quando ne ho parlato, ho sentito che potrebbe apparire anche all’Xbox Showcase.”
Questa affermazione è poi in linea con la dichiarazione di Matt Booty, a capo di XBox Game Studios. Nell’estate 2023, l’americano aveva rassicurato tutti sullo stato di avanzamento del progetto, promettendo che entro la fine del 2024 avremmo visto un approfondimento sul gameplay. L’interesse per il titolo è alto, così come è alto il rischio vaporware. C’è del vero in tutto questo?

Leggilo gratis in versione impaginata e sfogliabile sul numero 2 di V – il mensile di critica videoludica