Intel

Intel accelera la strategia per portare l’IA al Computex 2024

In occasione di Computex, Intel ha presentato oggi tecnologie e architetture avanzate che promettono di accelerare significativamente l’ecosistema AI, dai data centre, il cloud e le reti fino all’edge e ai PC. Con una maggiore potenza di calcolo, un’efficienza energetica avanzata e bassi costi d’esercizio (TCO), gli utenti possono oggi godere appieno delle opportunità offerte dal sistema AI.

  • Presentati i processori Intel Xeon 6 con Efficient-core (E-core) per data center, che offrono prestazioni ed efficienza energetica per carichi di lavoro scalabili ad alta densità. Consentono di consolidare i rack 3:1 migliorando le prestazioni fino a 4,2 volte e aumentando le prestazioni per watt fino a 2,6volte1.
  • Annunciati i prezzi per i kit di accelerazione AI Intel Gaudi 2 e Intel Gaudi 3, che offrono prestazioni elevate con costi fino a un terzo inferiori rispetto alla concorrenza2. La combinazione dei processori Xeon con gli acceleratori AI Gaudi offre una potente soluzione per rendere l’AI più veloce, economica e accessibile.
  • Presentata l’architettura client Lunar Lake per continuare estendere la categoria degli AI PC. Grazie all’efficienza energetica in ambiente x86 e a una compatibilità senza compromessi con le applicazioni, fornirà consumi System-on-Chip (SoC) fino al 40% inferiori rispetto alla generazione precedente.

 CEO di Intel Pat Gelsinger, ha dichirato:

L’AI sta guidando una delle più significative ere mai viste dal nostro settore. Ancora una volta, la magia del silicio consente all’informatica di fare progressi che estenderanno i confini del potenziale umano e alimenteranno l’economia globale per gli anni a venire. Intel è una delle poche aziende al mondo a innovare nell’intero spettro dell’intelligenza artificiale: dalla produzione di semiconduttori ai sistemi PC, di rete, edge e data center. Le nostre ultime piattaforme Xeon, Gaudi e Core Ultra, unite alla potenza del nostro ecosistema hardware e software, offrono soluzioni flessibili, sicure, sostenibili ed economiche che consentono ai nostri clienti di massimizzare le immense opportunità che il futuro presenta”.

Nel corso del suo keynote al Computex, Gelsinger ha evidenziato i vantaggi degli standard aperti e del potente ecosistema di Intel, che contribuiscono ad accelerare le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale. A lui si sono uniti luminari e aziende leader del settore che hanno espresso il loro sostegno, tra cui il presidente e CEO di Acer Jason Chen, il presidente di ASUS Jonney Shih, il presidente e CEO di Microsoft Satya Nadella e il presidente di Inventec Jack Tsai. Gelsinger e altri hanno evidenziato come Intel stia rivoluzionando l’intelligenza artificiale e fornendo tecnologie di nuova generazione in anticipo rispetto ai tempi previsti. In soli sei mesi, l’azienda è passata dal lancio dei processori Intel® Xeon® di quinta generazione all’introduzione del primo componente della famiglia Xeon 6; dall’anteprima degli acceleratori AI Gaudi all’offerta di un sistema di formazione e inferenza di intelligenza artificiale generativa (GenAI) conveniente e ad alte prestazioni; dall’inaugurazione dell’era degli AI PC con processori Intel Core Ultra, presenti in oltre 8 milioni di dispositivi, alla presentazione architettura client, il cui lancio è previsto per quest’anno.

Grazie a questi sviluppi Intel sta accelerando l’esecuzione dell’AI, innovando e aumentando la velocità della produzione per rendere l’AI più accessibile e catalizzare l’innovazione in diversi settori.

Modernizzare il data center per l’intelligenza artificiale: i processori Intel Xeon 6 migliorano le prestazioni e l’efficienza energetica per carichi di lavoro scalabili ad alta densità

Con l’accelerazione della trasformazione digitale, le aziende si trovano ad affrontare pressioni crescenti per aggiornare i propri sistemi di data center obsoleti, risparmiare sui costi, raggiungere obiettivi di sostenibilità, massimizzare lo spazio fisico nei rack e creare nuove funzionalità digitali. L’intera piattaforma Xeon 6 e la famiglia di processori sono progettati appositamente per rispondere a queste esigenze con SKU E-core (Efficient-core) e P-core (Performance-core) che consentono di abilitare un’ampia gamma di casi d’uso e carichi di lavoro, dall’intelligenza artificiale ad altre esigenze di elaborazione ad alte prestazioni per applicazioni cloud-native scalabili. Sia gli E-core sia i P-core sono costruiti su un’architettura compatibile con uno stack software condiviso e un ecosistema aperto di fornitori di hardware e software. Il primo processore Xeon 6 a debuttare è l’Intel Xeon 6 E-core (nome in codice Sierra Forest), immediatamente disponibile. Il lancio dei core Xeon 6 P (nome in codice Granite Rapids) è previsto per il prossimo trimestre.

Con un’elevata densità di core ed eccezionali prestazioni per Watt, Intel Xeon 6 E-core offre un’elaborazione efficiente con costi energetici notevolmente inferiori. Le prestazioni più elevate e la maggiore efficienza energetica sono perfette per i carichi di lavoro più intensivi, tra cui applicazioni cloud native e reti di distribuzione di contenuti, microservizi di rete e servizi digitali consumer. Inoltre, Xeon 6 E-core presenta notevoli vantaggi in termini di densità, consentendo di consolidare i rack con un fattore di 3 a 1 su carichi di lavoro di transcodifica multimediale, per un guadagno di prestazioni rispetto ai processori Intel® Xeon® di seconda generazione fino a 4,2 volte e un guadagno di prestazioni per Watt fino a 2,6 volte1. Utilizzando meno energia e spazio nei rack, i processori Xeon 6 liberano capacità di calcolo e infrastruttura per progetti AI innovativi.

Intel