Il Pianeta delle Scimmie

Il Pianeta delle Scimmie: i film della saga da recuperare

Arriva nei cinema Il Regno del Pianeta delle Scimmie, ultimo esponente della lunga saga de Il Pianeta delle Scimmie.

Arriva nei cinema Il Regno del Pianeta delle Scimmie, ultimo esponente della lunga saga de Il Pianeta delle Scimmie.

Nelle sale è infine giunto Il Regno del Pianeta delle Scimmie, nuovo capitolo della saga de Il Pianeta delle Scimmie, che si compone ormai di diversi episodi (senza contare l’originale cartaceo e le versioni televisive), su tre diverse saghe cinematografiche: quella classica, quella moderna e lo sfortunato tentativo di reboot di Tim Burton d’inizio anni 2000. Nel nuovo film, il regista Wes Ball dà nuova vita all’epico franchise con un film ambientato diverse generazioni dopo il regno di Cesare, in cui le scimmie sono ormai la specie dominante, che vive in armonia con la propria società e l’ambiente e gli umani sono costretti a vivere nell’ombra. Mentre un nuovo tirannico leader delle scimmie costruisce il suo impero, una giovane scimmia intraprende uno straziante viaggio che la porterà a mettere in discussione tutto ciò che conosceva sul passato e a fare scelte che definiranno un futuro sia per le scimmie che per gli umani. Approfittiamo dell’arrivo nei cinema del nuovo episodio per ricordare i capitoli precedenti, in un ordine anche relativo alla loro importanza nel franchise.

“Il pianeta delle scimmie” (1968)

Il pianeta delle scimmieUn astronauta atterra su un pianeta apparentemente deserto e scopre che è abitato da scimmie intelligenti, che dominano sugli umani primitivi. Alla fine, si svela un terribile segreto sulla vera natura del pianeta. Questo film è il punto di partenza della saga de “Il pianeta delle scimmie”. Con la sua trama ricca di suspense e il colpo di scena finale, ha catturato l’immaginazione del pubblico per sempre, creando una delle immagini più iconiche del cinema di fantascienza e avviando una serie di sequel e rifacimenti.

“L’altra faccia del pianeta delle scimmie” (1970)

Un gruppo di esploratori umani arriva sul pianeta delle scimmie per scoprire cosa è successo al loro predecessore, solo per trovarsi intrappolati in una trama complicata che rivela la vera storia del pianeta. Questo sequel espande ulteriormente l’universo de “Il pianeta delle scimmie” e approfondisce i temi di oppressione, ribellione e destino dell’umanità, contribuendo a stabilire la saga come una serie di fantascienza di successo.

“Fuga dal pianeta delle scimmie” (1971)

Dopo gli eventi del film precedente, Cornelius e Zira, due scimpanzé amici degli umani, cercano di fuggire dal loro destino tragico su un pianeta dove le scimmie dominano sugli umani. Questo film introduce nuovi elementi alla saga e affronta temi di discriminazione e libertà. La trama avvincente e le implicazioni filosofiche hanno reso questo film un successo sia di critica che di pubblico.

“1999: conquista della Terra” (1972)

Ambientato in un futuro distopico in cui le scimmie hanno preso il controllo della Terra, il film segue una ribellione umana guidata da un giovane uomo sordo e muto. Questo film continua a esplorare le tematiche di oppressione e ribellione, ma con alcune svolte interessanti. Ha offerto una riflessione unica sulla natura dell’oppressione e della libertà.

“Anno 2670 – Ultimo atto” (1973)

Gli umani sopravvissuti e le scimmie si trovano coinvolti in una lotta feroce per il controllo del pianeta, mentre si scoprono nuovi segreti sul passato e il futuro della Terra. Questo film conclude la serie originale de “Il pianeta delle scimmie” con un confronto epico tra umani e scimmie. Offre un finale soddisfacente alla saga, mentre lascia aperte alcune questioni filosofiche e morali.

Questa chart riguardava i film originali de “Il pianeta delle scimmie”, che hanno stabilito le basi per la saga e hanno affrontato per prime temi profondi di società, libertà e destino umano: a seguire, i film degli anni 2000.

“Planet of the Apes – Il pianeta delle scimmie” (2001)

Il pianeta delle scimmieIn questa rivisitazione del film originale, un gruppo di astronauti atterra su un pianeta remoto abitato da scimmie intelligenti e scopre una verità sconvolgente sulla loro origine. Questo film, diretto da Tim Burton, è stato un tentativo di riavviare la saga de “Il pianeta delle scimmie” per una nuova generazione. Ha suscitato reazioni variegate, non riuscendo nel suo intento finale di instaurare un nuovo franchise ma aggiungendo comunque una nuova interpretazione visiva e narrativa al mito.

“Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie” (2014)

In un futuro apocalittico, Cesare, uno scimpanzé geneticamente modificato, guida una ribellione contro gli umani che hanno oppresso i suoi simili, cercando di stabilire una società in cui le scimmie possono vivere libere. Questo film è il secondo della nuova saga diretta da Rupert Wyatt e successivamente da Matt Reeves. Ha ricevuto elogi per la sua narrazione coinvolgente, i suoi effetti speciali e le performance dei suoi attori.

“The War – Il pianeta delle scimmie” (2017)

La guerra tra scimmie e umani raggiunge il culmine, mentre Cesare cerca vendetta contro il leader umano responsabile della morte della sua famiglia, portando entrambe le specie sull’orlo dell’estinzione. Questo film conclude la prima trilogia moderna con una nota epica e toccante, offrendo una conclusione soddisfacente alle trame e ai personaggi introdotti nei film precedenti.

“L’alba del pianeta delle scimmie” (2011)

Il pianeta delle scimmieUn gruppo di umani sopravvissuti cerca di trovare una cura per un virus che ha decimato la popolazione mondiale, ma si scontrano con una società di scimmie intelligenti che potrebbero essere la chiave per il loro futuro. Questo film ha aggiunto un nuovo elemento alla saga, esplorando le origini del virus che ha portato all’ascesa delle scimmie intelligenti. Ha offerto una nuova prospettiva sulla storia della serie.