Nonna torna a sorridere con Oculus Rift: le nuove frontiere della game therapy

ImmagineOgni giorno trattiamo argomenti che riguardano nuove strade per il Rift, nuovi device che si affiancano alla periferica di Luckey non solo per il gaming, ma per le attività più strane e interessanti.

Quando Pri, un ragazzo di Seattle ha raccontato la storia di sua nonna malata di cancro al team di Oculus VR, questo non si è tirato indietro e alla richiesta di aiuto hanno scelto di agire. La signora che vediamo nel video non ha la possibilità di muoversi dalla poltrona su cui è seduta a causa di una malattia che ormai non fa più differenza tra anziani e giovani e che colpisce in maniera inaspettata non solo persona che si ammala ma anche la sua famiglia, il cancro. Pri voleva che sua nonna, ancora una volta, potesse passeggiare e vedere mondi nuovi e ha scelto di chiedere una mano a Oculus VR che ha inviato prontamente un dev kit alla famiglia. Per evitare che a questo brutto male si associ una forte depressione, questa famiglia americana ha pensato che Oculus Rift possa aiutare la nonna a viaggiare e a rendere meno doloroso questo momento: una vera e propria terapia insomma.

Nonostante la vecchia nonna non riesca ad utilizzare il pad al meglio, la sua commozione e lo stupore sul suo volto la dicono lunga sulle potenzialità di Oculus Rift e su cosa possa davvero fare: un device per il gaming, un device multimediale, un device per la vita.

Questa è, insomma, la dimostrazione che la realtà virtuale non è un fenomeno meramente confinato al solo mondo videoludico, ma  una realtà di portata ancora più ampia, che può costituire un valido supporto persino in ambito medico: pensate alle possibili applicazioni che Oculus Rift potrebbe avere, per esempio, nel campo della psicologia, dove potrebbe riuscire a imporsi come una possibile tappa nel percorso di cura di patologie mentali, quali nevrosi o, come abbiamo visto in questo articolo, depressione.
Possiamo quindi concludere affermando che il contenuto di questo articolo può essere riassunto in due sole parole: Game Therapy, un fenomeno ricco di spunti di riflessione, che ci sta particolarmente a cuore e di cui sicuramente torneremo a parlare presto sulle pagine di oculusriftitalia analizzando le possibili applicazioni di Oculus Rift in ambito medico.

[youtube id=”o5eIHyFYFMM” width=”600″ height=”350″]