E se Sonic corresse su Oculus Rift?

sonic_the_hedgehog_and_friends_wallpaper_by_sonicthehedgehogbg-d5x341d

Ok, siamo un po’ in ritardo per il ventesimo anniversario di Sonic (2011 per voi ignoranti della rete), ma siamo perfettamente in tempo per quello di una delle glorie del retrogaming anni 90. Parliamo, senza ombra di dubbio, di sua Maestà Reale Sega Mega Drive che il 29 ottobre (in Giappone) e il 20 novembre (in Europa) ha fatto la gioia di tanti bambini, giusto in tempo per il Natale, in quei tempi in cui ancora aveva senso parlare di console war. Pensando al passato, e alla nostra infanzia, non è possibile non ricordare l’amatissimo porcospino blu, indimenticata mascotte di Sega ma, soprattutto, concentrato di velocità computazionale. Molti ricorderanno, infatti la necessità da parte di Sega di dimostrare di essere migliore della concorrenza per ciò che concerneva il calcolo computazionale. E dunque, grazie al processore Motorola 68000 del Mega Drive, il riccio blu sgambettò allegramente sugli schermi di milioni di giocatori consacrandosi all’Olimpo delle celebrità digitali. Il video che trovate qui sotto, creato da uno dei tanti youtuber della rete, ci porta per la prima volta nella testa di Sonic, proponendoci il leggendario stage Green Hill – Zone 1 in… prima persona!

[youtube id=”JlWnShSe6e8″ width=”600″ height=”350″]

Si tratta ovviamente di un video amatoriale ma come non chiedersi come sarebbe un’eventuale versione Oculus Rift di Sonic. Se una partita della versione classica è ipotizzabile con Oculus, stesso non può dirsi per un gameplay completamente basato sulla visuale in prima persona. Eppure velocità, dinamismo e tempismo sarebbero le formule perfette per consacrare il platform in prima persona. Nelle nostre idee avremo una nuova, e più rapida, versione del gameplay di Mirror’s Edge… ma giusto con qualche colore in più!
La velocità tipica di Sonic, unita alla quasi totale assenza di latenza di Oculus configurerebbe un gioco senza eguali, le cui meccaniche potrebbero gettare le basi per una nuova concezione del platforming, che è poi quello che è successo con il Sonic delle origini. E a proposito di origini e festività, parlando di Sonic è impossibile non segnalare a tutti voi “rifters” un appuntamento da non perdere. I nostri amici del VIGAMUS, Il Museo del Videogioco di Roma, hanno infatti in serbo, nella giornata di domani (08/11/2013 nel caso abbiate una DeLorean a portata di mano) un evento dedicato a Sonic ed alla nascita del Mega Drive. Se siete in giro per Roma e non sapete dove collezionare i rings che vi mancano, magari è il caso di farci un salto!