Nowhere: quando il gioco di ruolo si fa psichedelico

NOWHEREalpha78C’era una volta un pianeta lontano, molto lontano, non si sa bene dove fosse, ma c’era.
Era una pianeta molto particolare, non assomigliava a nulla di ciò che si fosse visto fino ad allora. Tuttavia, per quanto strano potesse essere, questo pianeta era popolato da strane creature, che vivevano una vita tutto sommato normale. Avevano amici e famiglie, crescevano i propri figli e insegnavano loro le regole della società.
Alcune di queste creature però erano speciali. Erano grandi, grandissime. Così grandi da poter essere scambiati per delle abitazioni. E in effetti, erano anche delle abitazioni. Sì, perché in questo strano mondo non esistevano case vere e proprie, o automobili,  o accessori, ma gli abitanti riuscivano comunque a vivere e andare avanti.
Anzi, non solo andavano avanti, ma avevano anche sogni e aspirazioni.
A conti fatti assomigliavano agli esseri umani, almeno se non si considera l’aspetto.
C’era una volta, insomma, questo pianeta strano, ma a dire il vero c’è ancora, qui e adesso.
Quella che vi ho appena raccontato non è una sorta di strana fiaba, o un delirio dovuto a fumi non meglio identificati, ma la descrizione del un gioco di cui volevo parlarvi oggi,  NOWHERE.
NOWHERE è un particolarissimo titolo sviluppato da Duangle che strizza l’occhio ai giochi di ruolo, ponendo grande enfasi sulle interazioni sociali e sulla possibilità di influenzare il nostro futuro grazie alle nostre scelte.
Come già accennato, l’ambientazione è completamente diversa da quello che ci si potrebbe aspettare da un titolo di questo tipo, astratta e psichedelica. Sarà davvero una cosa assurda poterlo giocare con l’Oculus Rift!
Sicuramente la curiosità di provare un gioco di questo tipo è molto alta ma, ahimè, ci sarà ancora da aspettare, visto che NOWHERE è tuttora in fase di sviluppo (ma si può provare una versione alpha se si decide di finanziare il progetto).
Cosa ne dite? Vi stuzzica l’dea o il tutto vi suona troppo strano? Intanto vi lascio con un video e un bel link nel caso vogliate approfondire.
A voi l’ardua sentenza!

[youtube id=”LKEN8fdo174#t=13″ width=”600″ height=”350″]