Slender: The Arrival. Da creepypasta a Oculus Rift

Abbiamo già mostrato come potrebbe essere giocare a Slender con Oculus Rift. Ebbene, pare che il videogioco Slender: The Arrival potrebbe implementare il supporto ufficiale alla periferica di realtà virtuale. Una versione ufficiale del gioco per Oculus Rift è stata infatti mostrata lo scorso weekend all’importante fiera di videogiochi PAX 2013.

5

Slender: The Arrival è un videogioco horror in prima persona ispirato al mito di Slenderman, una tra le leggende metropolitane più note nel mondo dei creepypasta. Cos’è un creepypasta? Si tratta di un racconto virale apparso online su siti internazionali come 4chan, poi rimaneggiato e diffuso in più versioni. Slenderman è una creatura dall’origine ignota, secondo alcuni potrebbe appartenere a un’altra dimensione. Si dice che sia il padre di un uomo che ha perso suo figlio in un incendio ed è rimasto orribilmente sfigurato in volto nel tentativo di salvarlo dalle fiamme. Da allora, Slender si aggira nei boschi alla ricerca di suo figlio, uccidendo i bambini che incontra. Parte del fascino del mito è il mistero che circonda questa figura.

Slenderman è proprio uno dei creepypasta più famosi, tanto che gli sviluppatori di Blue Isle Entertainment ne hanno tratto un videogioco. Questo titolo si incentra su una meccanica di gioco tanto geniale quanto sadica: Slender vi ruberà l’anima nel momento in cui lo guarderete. L’unico modo per sopravvivere è, dunque… evitare di guardare nella sua direzione. Potrebbe essere alle vostre spalle, l’istinto è quello di girarsi a controllare, e proprio questo gesto potrebbe essere fatale…

slender

Slender: The Arrival, quasi una rilettura in chiave moderna/horror dei miti di Orfeo e Euridice e di Perseo e la Medusa, è semplicemente perfetto per Oculus Rift. Una periferica di gioco che punta tutto sull’atto del guardare, e un videogioco in cui guardare nella direzione sbagliata significa la morte. Un’accoppiata che costringerà i giocatori a rivedere anni e anni di abitudine a scrutare ogni angolo dei mondi di gioco per scovare avversari da sconfiggere, ostacoli da abbattere, pareti da scalare e oggetti da recuperare. Alcuni fan avevano già avuto modo di far girare Slender su Oculus Rift, con risultati semplicemente terrificanti. La realtà virtuale è semplicemente perfetta per giocare un videogioco horror: siete completamente calati all’interno di un incubo. Immaginate che cosa succederebbe se fosse applicata a giochi come lo spaventosissimo Amnesia!

In attesa della versione con il supporto ufficiale, vi postiamo il video di un playthrough del gioco vissuto su Oculus Rift.

[youtube id=”PO0U_vjCIvw” width=”600″ height=”350″]

Non ti voltare…